24 apr 2009

A Cariati presto un palazzetto di uffici provinciali



Un Palazzetto della Provincia per offrire a tutto il territorio nuovi servizi quali la Polizia Provinciale, uffici agricoli e turistici. È quanto ha annunciato il Presidente del Consiglio Provinciale Leonardo TRENTO, intervenendo ieri in occasione dell’inaugurazione del nuovo ULC, l’ufficio locale coordinato di Cariati di Via Stefano Patrizi, alla marina.

Torna a Cariati, dopo circa 10 anni, per volere dell’Amministrazione Provinciale, l’Ufficio del Lavoro. “Nel nostro territorio –ha dichiarato il Sindaco Filippo SERO - non succede così spesso che un servizio venga riattivato. Siamo abituati, piuttosto, al fenomeno contrario. Si ringrazia l’Amministrazione Provinciale non soltanto per questo momento che consente di registrare positivamente un servizio che si riattiva, ma per tutto quello che in questi anni di amministrazione ha fatto per questo territorio. Si sente spesso dire che Cosenza è lontana da Cariati e dal Basso Jonio Cosentino. Senz’altro da un punto di vista geografico, ma non dal punto di vista delle attenzioni”.

Consentire ai residenti in zone disagiate e dislocate su un territorio molto vasto e spesso montano di usufruire adeguatamente dei servizi senza soffrire notevoli disagi logistici. È questa – ha precisato il Dott. Antonio CERENZIA Responsabile del Centro per l’Impiego di Rossano- la finalità principale dell’istituzione a Cariati dell’ULC.

La sede di Cariati ha competenza territoriale su 6 comuni del basso jonio cosentino (Cariati, Mandatoriccio, Campana, Pietrapaola, Terravecchia e Scala Coeli). 17 Mila e 4 unità di popolazione residente, circa 11 mila di popolazione in età di lavoro, 3300 unità di popolazione giovanile. Sono questi i numeri della rivelazione statistica, alla data del 31.12.2008, che rafforzano la scelta di voler istituire una struttura provinciale dislocata nel territorio in grado di dare risposte immediate ma soprattutto di offrire agli utenti e alle aziende ricadenti nel territorio dell’ULC di Cariati gli stessi servizi che vengono erogati dal Centro per l’Impiego di Rossano attraverso apposito coordinamento.

La sede di Cariati è una struttura moderna, realizzata con tecniche adeguate con servizi informatizzati sia per il personale dipendente formato con corsi specifici sia per l’utenza che può usufruire di nuovi servizi e di postazioni informatiche per auto consultazione sussidi specifici del mercato del lavoro.

Disabili, giovani, immigrati, donne, lavoratori licenziati. Sono queste le fasce deboli che troveranno nella nuova sede dell’Ufficio Locale Coordinato di Cariati, informazione, consulenza, orientamento, sostegno e guida. È quanto ha dichiarato l’Assessore Provinciale al Mercato del Lavoro Donatella LAUDADIO. “I risultati per un territorio – ha detto l’Assessore- si raccolgono quando c’è sinergia tra le istituzioni. E sicuramente tra la Provincia di Cosenza ed il Comune di Cariati c’è stata in questi anni una forte sinergia per altro cementata da un catalizzatore importante rappresentato dal già consigliere Provinciale Leonardo TRENTO, oggi Presidente del Consiglio. Altro che assenza o lontananza dalla Provincia: Cariati ha la massima rappresentanza, in seno alla Provincia di Cosenza, dopo il Presidente OLIVERIO. Possiamo dire anzi che Cariati è la più vicina al cuore della Provincia. Oggi inauguriamo un servizio che va in controtendenza. Mentre nel Mezzogiorno si smantellano i servizi costringendo i Comuni allo spopolamento, la Provincia di Cosenza sta attuando un processo inverso: stiamo riportando nei comuni, ben 12, ULC”.

22 apr 2009

Oggi l'inaugurazione dell'Ufficio del Lavoro

Servizi al cittadino. Riapre a Cariati l’Ufficio del Lavoro. La Conferenza di presentazione alla presenza delle istituzioni e delle autorità si terrà alle ORE 18 presso i locali del Centro Sociale, alla marina. Al taglio del nastro della nuova sede di Via S. Patrizi parteciperà anche il Presidente della Provincia di Cosenza On. Mario OLIVERIO.

Dopo il saluto del Sindaco Filippo SERO sono previsti gli interventi del Direttore del Centro per l’Impiego di Rossano Antonio CERENZIA, dell’Assessore Provinciale alle Politiche del Lavoro Donatella LAUDADIO del Presidente del Consiglio Provinciale Leonardo TRENTO.

Concluderà questo momento di condivisione, soddisfazione pubblica e segnale di rinnovata attenzione da parte dell’Amministrazione Provinciale per Cariati e per il territorio, il Presidente della Provincia di Cosenza On. Mario OLIVERIO.
Alla conferenza di presentazione seguirà la cerimonia di inaugurazione della nuova sede dell’Ufficio del Lavoro, in Via Stefano Patrizi, presso l’ex Liceo Scientifico, e quindi un rinfresco.

20 apr 2009

Visita in Germania ai nostri concittadini

ACHERN, KAPPELRODECK E BÜHLL. Sono queste le cittadine tedesche in cui ha fatto tappa la delegazione di cittadini cariatesi, accompagnate dal Presidente del Consiglio della Provincia di Cosenza Leonardo TRENTO e dal Sindaco di Cariati Filippo SERO. Presenti diversi cittadini calabresi che conducono qui, a pochi metri dalla Foresta Nera (la famosa “Schwarzwald”, una delle zone più suggestive della germania), tra le tipiche abitazioni in legno dal tetto spiovente, patrimonio culturale, e tra distese di ciliegi in fiore, ormai da anni, la propria vita.




Leonardo TRENTO – Presidente del Consiglio Provinciale di Cosenza ha ringraziato i primi cittadini tedeschi ospitanti per l’accoglienza e l’Associazione dei Calabresi a Bhüll per l’ottima organizzazione.

“La Provincia di Cosenza –ha detto TRENTO- è la più grande d’Italia per estensione territoriale e per numero di comuni che la compongono. Ed è anche la seconda provincia italiana, per numero di cittadini, che risiedono in Germania. Oltre 100 mila cittadini della provincia di Cosenza abitano in Germania e continuano a mantenere la doppia residenza. È una provincia che si trova nel centro del mediterraneo. Ringrazio gli amici dell’Associazione che hanno voluto questa iniziativa perché ci da la possibilità di venire a relazionarci con le istituzioni e comunità tedesche di parlare del nostro territorio, di farlo conoscere, ma anche di capire quello che c’è di buono qui in Germania e che magari potemmo portare all’interno delle nostre istituzioni. Ma anche e soprattuto perché vogliamo dire ai nostri cittadini –ha concluso il Presidente del Consiglio Provinciale- che voi amministrate, che non sono soli e che sono da noi tenuti in grande considerazione e che loro rappresentano il veicolo di quella che è la nostra storia, la nostra tradizione e la nostra cultura. Sono i nostri ambasciatori in questa terra.”

3 apr 2009

La Maggioranza continua a fare fatti. Gli altri fanno solo parole

L’ultimo Consiglio Comunale e l’ennesima farsa strumentale della minoranza, che fugge dall’aula con la coda tra gambe perché priva di argomenti, ha dimostrato, tra le altre cose, che in quei banchi si hanno forti difficoltà anche soltanto a leggere il bilancio. Non si spiega altrimenti, se non con la mala fede, tra le altre, anche la balla sull’aumento delle tariffe.

Facciamo qualche esempio, sul canone idrico.

Chi consuma 100metri cubi di acqua, prima pagava 81 Euro. Sulla base delle nuove tariffe, ne paga solo 69. Questo è aumento? Non ci sembra.

Le modifiche apportate, come già spiegato, determinano un aumento per chi consuma, ad esempio, più di 300 metri cubi di acqua. E ciò ci pare vada nel senso duplice, sia della tutela delle fasce più deboli, sia di una corretta politica del risparmio e della moderazione dei consumi, soprattutto dell’acqua potabile.

Esigenze, evidentemente, non avvertite dalla minoranza che, anche su questo, specula, strumentalizza e vende fumo. Dimostrandosi irresponsabile fino all’ultimo.

In merito alla TARSU ribadiamo che la scelta fatta dall’Esecutivo interrompe rispetto a prassi del passato, quando vi erano –come è noto- avanzi fittizi sui quali, tuttavia, si costruivano ed effettuavano spese reali. Uno scandalo!

Questa Amministrazione non ha fatto altro che procedere ad un adeguamento ISTAT che, con grave atteggiamento di irresponsabilità delle passate gestioni, non veniva fatto dal 2001. Un altro scandalo! Altro che aumenti.

Parliamo piuttosto di tagli, sì, alle spese inutili. Tagli che questo Esecutivo continua a fare, anno dopo anno, nell’ordine di oltre 200 Mila Euro all’anno. Spese superflue, sulle quali si sta incidendo, con consapevolezza ed efficienza amministrativa. Anche qui, senza confronto possibile col passato.

A proposito di incarichi, la nostra proposta pubblica all’Amministrazione Comunale è quella di redigere e far affiggere UN MANIFESTO CON I NOMI DI TUTTI GLI INCARICHI AFFIDATI, quelli legali e tecnici, in modo che –al di là delle balle raccontate da qualche consigliere- tutti i cittadini possano effettivamente rendersi conto, nella più assoluta trasparenza, della turnazione che oggi si garantisce nell’affidamento degli incarichi, dati a tutti.

NON ERA MAI SUCCESSO PRIMA, quando –come sanno bene i cariatesi- gli incarichi venivano affidati ad un solo avvocato. Oggi, gli incarichi vengono giustamente dati a tutti, anche a quanti –e non sono pochi- sono stati candidati nelle liste avversarie.

Questo è il nostro stile, dal quale occorre soltanto apprendere, con umiltà.

E’ comprensibile, infine, che qualcuno inizi a scalpitare e si ritrovi con le mani in mano, perché abituato agli abusi.

QUESTA GIUNTA HA STOPPATO CERTI ABUSI, soprattutto nelle occupazioni di terreni per farci altro, alla faccia dei cittadini e dell’imprenditoria, quella vera.

Questa Amministrazione aveva ed ha le mani pulite, mentre sono altri ad avere certamente scheletri negli armadi.

Certi signori, infatti, che continuano a fare la morale a questa maggioranza dovrebbero prima raccontare in pubblico, se hanno un minimo di dignità, di essere stati condannati per danno erariale dalla Corte dei Conti!

A breve –questa è la verità- ci sarà una inaugurazione a settimana, per il Cinema Teatro, per il Porto, per la scogliera a S.Paolo, per il nuovo stadio comunale, per due palazzetti dello sport e per tante altre opere, a servizio di Cariati e del territorio e che i cariatesi hanno visto per decenni abbandonate nella più totale incuria.

Eppure, vi sono consiglieri che, con ruoli diversi, siedono da decenni e decenni nel palazzo comunale, senza aver mai lasciato un segno.

Il Cinema Teatro, sottratto all’oblio ed all’abbandono da questa Giunta, FINITO ED ARREDATO COSÌ COME I CARIATESI MERITANO, rappresenta uno degli esempi di grande efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa e, allo stesso tempo, uno degli incubi di certa opposizione preconcetta ed avvelenata che, da qui alle prossime settimane, a furia di feste e tagli di nastri, dovrà certamente imparare a ballare, anche lei, la tarantella.
Ribadiamo, infine, a quanti si sono scottati perseguendo improbabili vie giudiziarie che questa coalizione, nonostante tutto, continua a ritenere che non si possa far politica a colpi denunce ed esposti, ma con proposte alternative e confronto nel merito, soprattutto se si è stati amministratori in passato.
Il Blog di Leonardo Trento © Tutti i Diritti riservati - 2020. Powered by Blogger.